Corso di Disegno a Prato “La linea e il tratto diventano segno”

Maggiori Informazioni

LA LINEA E IL TRATTO DIVENTANO SEGNO

 

Il corso si propone di insegnare l’Arte del Disegno, cioè del segno.

 

Fra tutte le attività artistiche il Disegno è quella più intrinsecamente spirituale, ovvero quella assolutamente soggettiva, in quanto il segno ha una relazione esclusivamente
simbolica e personale con l’esperienza, non direttamente correlata alla realtà che osserviamo.

Il Disegno ha una funzione fondamentale nelle arti visive: è la messa in scena … dell’idea; il segno – che sia tracciato con una matita, con un bastoncino di legno sulla riva, con un pennello su una tela o dello spray su un muro… – è la nascita nel senso di manifestarsi al mondo di quell’idea.

Il Disegno sta alle arti visive come le fondamenta stanno ad una casa, come le radici stanno ad un albero.
È questo perché il Disegno non è solo un metodo grafico per rifare un vaso, un fiore, un ritratto, una forma astratta… è molto di più: è una disciplina che incrementa la fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità, che aiuta 
a sviluppare lo stress buono (quello che ti fa sentire “carico”, pieno di grinta, di voglia di fare, euforico e allo stesso tempo calmo e rilassato: è una sensazione unica) e a gestire quello “cattivo” (in quanto è un “rilassante”, conduce ad una “meditazione attiva”).

 

Capacità che il disegno aiuta a sviluppare:

 

  • la creatività (nel senso di apertura mentale ed elasticità, fattore indispensabile per saper trovare delle soluzioni).
  • la focalizzazione (indispensabile per raggiungere degli obbiettivi)

Imparando a disegnare impariamo ad entrare in contatto con noi stessi, a conoscerci, a tirar fuori le varie parti di noi e guardarle senza timore.

 

Oltre agli esercizi che aiutano a sviluppare le competenze sulle singole componenti del disegno si faranno esercizi atti a sviluppare una propria libertà interiore, espressività e creatività.
Il corso si propone di sciogliere quei nodi legati a credenze limitanti, blocchi, resistenze e autocritica, in modo che la gioia interiore ritrovi la via per manifestarsi e per apprezzare ciò che ci sta attorno come se lo vedessimo per la prima volta.
Ritrovare lo stupore per la bellezza di ciò che ci circonda può suonare ad alcuni retorico, e per tutti diverrà una realtà affascinante.

 

Che metodologia viene usata?

Molti esercizi in uso nell’antichità, sopratutto dagli artisti toscani del rinascimento, quali Michelangelo e Leonardo da Vinci, ma anche esercizi che applicano nuove scoperte riguardanti le specifiche funzioni dell’emisfero destro del cervello, che facilitano l’apprendimento dello stesso.
Gli studi sono incentrati sulla Natura Morta: drappeggi, fiori, frutta, oggetti, … e sul Ritratto.

 

Le tecniche approfondite:

– il disegno a carboncino, sopratutto per lo studio del volume, della massa e della sintesi. 
– il disegno a matita per concentrarsi sulla struttura dell’oggetto o soggetto, e per la prospettiva aerea.

 

IL CORSO E’ ANNUALE.
Le lezioni hanno frequenza settimanale.
Il Corso inizia a Ottobre e finisce entro i primi 10 gg. di Giugno.


Iscriviti subito al corso









Dichiaro di avere inserito nel modulo di richiesta dati reali e dichiaro pertanto che tali dati corrispondono ai propri reali dati personali. Sono consapevole che è facoltà di ilgiardinodeglielfi.com perseguire nelle opportune sedi ogni violazione ed abuso.
Acconsento al trattamento dei dati personali, ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n. 196/2003 [Privacy Policy]